Chi sono

l’amministratore del blog

foto profilo grande

foto scattata da Simone e Silvia per ©ONE SHOT ONE SUSHI

cenni biografici

  • nome: Stefano Bakara
  • anno di nascita: 1977
  • residente: Sarmeola di Rubano (PD)

Sin dalla più tenera età comincia a coltivare varie passioni:

  • cinema   ha sempre divorato quantità industriali di film, e le testine del suo videoregistratore possono confermarlo. L’avvento delle pay tv e del web ha dato la mazzata finale alla sua vita sociale. Un occhio di riguardo per la cinematografia del sud-est asiatico, ma i suoi gusti spaziano un po’ per tutte le nazionalità e i generi: dai cartoni animati al porno. Adora andare al cinema, possibilmente più di una volta a settimana, preferibilmente nel primo pomeriggio e da solo per evitare che la visione del film possa essere disturbata da orde barbariche di gente maleducata. Quando può partecipa a vari festival cinematografici, dalla Mostra del Cinema di Venezia al Far East Film Festival di Udine o il Torino Film Festival.
  • musica   verso la fine degli anni ’80 si appassiona alla musica rap per poi spaziare alla black music in generale (soul, r&b, e un po’ di funk e jazz). Nel ’94 acquista dal dj Scianca i primi giradischi, un paio di comunissimi piatti con trazione a cinghia, giusto per capire l’effetto che fa lo scorrimento delle puntine sopra i solchi di un vinile. Nel ’97, con somma gioia dei vicini, decide di fare il grande salto con l’acquisto dei mitici Technics SL1200 oltre naturalmente ad un mixer. Frequenta un corso di dj e tecnico del suono, e per un paio di anni si improvvisa dj in piccoli locali
  • sport   da bambino il nuoto, rugby durante le scuole medie, calcio durante le scuole superiori. Da adulto ha deciso saggiamente di appendere le scarpette al chiodo. Tifosissimo della Juventus, è anche insospettabilmente simpatizzante dei Buffalo Bills, team di NFL che dopo gli anni gloriosi di Jim Kelly e Thurman Thomas (20 anni fa) non combina più nulla.
  • manga & libri   l’arrivo in Italia delle prime case editrici (la defunta Granata Press o la Star Comics) che si interessano alla pubblicazione di manga gli permette di conoscere la provenienza e le storie originali delle centinaia di cartoni animati che hanno allietato la sua infanzia. Colleziona svariate serie, da Ken il guerriero a Dragonball, dai Cavalieri dello zodiaco a Orange Road, Lamù, Jojo, Rough, Touch e tante altre. Con la narrativa ha avuto un buon rapporto da bambino, leggendo costantemente parecchi libri e collane per ragazzi. Durante l’adolescenza e gli anni immediatamente successivi la frequenza di lettura è notevolmente calata per poi riprendere negli ultimi anni con romanzi di vario genere, sia di letteratura italiana che straniera.